L'invenzione del romanzo. Dall'oralità alla lettura silenziosa

L invenzione del romanzo Dall oralit alla lettura silenziosa Il romanzo non esiste da sempre ma una forma narrativa che stata inventata quando nel mondo occidentale si diffusa stabilmente la lettura silenziosa Rosamaria Loretelli stila una storia del libro e d

  • Title: L'invenzione del romanzo. Dall'oralità alla lettura silenziosa
  • Author: Rosamaria Loretelli
  • ISBN: 8842093882
  • Page: 299
  • Format:
  • Il romanzo non esiste da sempre, ma una forma narrativa che stata inventata quando nel mondo occidentale si diffusa stabilmente la lettura silenziosa Rosamaria Loretelli stila una storia del libro e della lettura dall antica Grecia al Settecento, intrecciata alle forme narrative dall epica classica ai racconti medievali, a quelli cinque secenteschi Sul Settecento si sofferma stato allora che la lettura si diffusa come la conosciamo oggi, cio come una pratica tutta interiore, demandata alla sola vista, assolutamente dematerializzata stato allora che comparso il romanzo, che per la prima volta ha delegato alle sole parole stampate tutto il carico di significato e di emozioni che la lettura ad alta voce precedentemente affidava anche all espressivit dei toni, delle pause e dei gesti Cos trasformata, la narrativa ha maturato una nuova grana temporale, in cui si costituito il soggetto umano moderno Al quale noi oggi ancora assomigliamo, anche se cambiate le tecnologie della parola forse non per molto.

    • ë L'invenzione del romanzo. Dall'oralità alla lettura silenziosa || ¶ PDF Download by ✓ Rosamaria Loretelli
      299 Rosamaria Loretelli
    • thumbnail Title: ë L'invenzione del romanzo. Dall'oralità alla lettura silenziosa || ¶ PDF Download by ✓ Rosamaria Loretelli
      Posted by:Rosamaria Loretelli
      Published :2019-04-14T23:47:49+00:00

    One thought on “L'invenzione del romanzo. Dall'oralità alla lettura silenziosa

    1. raffaela

      l' ho trovato poco interessante e un pò ripetitivo per quanto riguarda un paio di concetti. Potrei consigliarlo solo per quanto riguarda uno studio critico (non necessariamente approfondito) della letteratura (dal '700 in poi)

    2. Gonza

      Abbastanza interessante, anche se molte delle cose scritte dall'autrice le conoscevo giá, c'erano chiaramente un'infinitá di collegamenti che non avrei mai fatto ad altri libri o tesi. Quindi consiglierei questo libro a chi non ha giá una conoscenza specifica dell'argomento, ma a chi vorrebbe quanto meno avvicinarcisi.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *